Gestione della tua energia: Sai accorgerti quando è troppo ?

IL PROBLEMA

Quando sul cammino verso un obiettivo le cose si fanno davvero tanto difficili e la nostra energia è al massimo sforzo,

non è sempre facile capire se abbiamo bisogno solo di “perseverare” per arrivare “ al traguardo  o se non ci stiamo accorgendo che quella strada è chiusa.

Il rischio da una parte è quello di consumarci in una situazione che evidentemente  ha preso il sopravvento su di noi e che non porta a nulla.

Dall’altra parte il rischio è quello di pentirsi per aver mollato. 

Chissà forse ce l’avrei fatta… Cosa penseranno gli altri?

LA SVOLTA

La svolta avviene quando impariamo a sostenere l’impegno con l’energia del Desiderio e della Aspirazione ma senza dipendere dal risultato.

Quando invece di guardare ciecamente l’obiettivo prendiamo consapevolezza della nostra esperienza e dei nostri bisogni.

Quando lasciamo spazio nella nostra mente alla possibilità di trovare alternative.

Quando separiamo la nostra identità dal fatto che qualcosa vada bene o male.

Quando scegliamo di voler usare in modo saggio la nostra energia accogliendo  ciò che siamo, senza paragoni.

Quando ci liberiamo dal giudizio e dalle convenzioni altrui.

SPUNTO DALLA FILOSOFIA BUDDHISTA

La possibilità di “lasciare andare” non è un arrendersi, ma una scelta di consapevolezza che sorge dal sapere osservare e valutare 

chiaramente una situazione, tenendo conto di tutto. Non solo l’obiettivo , ma anche lo scopo più ampio e la focalizzazione della nostra energia.

Sapere lasciare andare è una libertà. Liberarsi dalla immedesimazione con i nostri progetti e con i risultati.

Noi non siamo ne i nostri successi ne le nostre sconfitte.

LA SOLUZIONE

La soluzione sta nel riuscire a garantirsi in ogni momento di potere scegliere liberamente.

La partita e l’equilibrio fra il troppo è il troppo poco.

Ed è sempre un lavoro interiore fatto di consapevolezza delle proprie risorse, resistenze e delle priorità, 

riportate su un piano di sostenibilità personale che include il proprio benessere e quello degli altri.

Se l’energia e la perseveranza sono essenziali per realizzare un impatto,

 al tempo stesso l’energia può venire meno se gli eccessi danneggiano senza controllo 

la nostra capacità di recupero o se l’ossessione sostituisce il sano desiderio.

IN PRATICA

  • Ascolta i tuoi bisogni (sia quello di raggiungere l’obiettivo ma anche il tuo benessere)
  • Valuta le situazioni critiche con attenzione, facendoti anche aiutare per una visione meno coinvolta
  • Nelle fasi critiche rinnova ogni giorno la tua scelta (di mollare o non mollare) portando alla mente costi e benefici di andare avanti
  • Se decidi di mollare, lascia andare anche i rimpianti, non ti servono, fai spazio a una nuova possibilità
  • Le strade possono interrompersi , una cambio strada non interromperà l’amore per il tuo scopo.

Questo è un’altra area piuttosto critica quando nei percorsi evolutivi di gruppi e manager, affrontiamo il tema degli obiettivi, della motivazione e dell’equilibrio personale.

Come al solito  nelle narrazioni si vive spesso fra i poli.

👉 “Quelli che non mollano mai” al costo spesso trascurato di consumarsi all’eccesso.

👉”Quelli che dopo qualche difficoltà lasciano perdere” , che rinunciano subito. 

Nella realtà, lo sappiamo,  ci sono molte sfumature.

Non  penso ci sia un comportamento migliore dell’altro o un comportamento da preferire sempre, dipende da ogni persona e dalla consapevolezza con la quale si affronta le situazioni, tenendo conto di tutto ciò che quella situazione comporta. Insomma si tratta sempre della abilità di entrare in #relazioneconsapevole con ciò che accade e avere la libertà di scegliere liberi dalle dipendenze o dai timori.

Su questo campo si giocano partite importanti: fra il nostro ego, e la nostra pigrizia, fra la fatica e il sacrificio , fra l’impegno e il consumarsi, fra l’attaccamento incondizionato e il lasciare andare.

La partita e l’equilibrio fra il troppo è il troppo poco.

Ed è sempre un lavoro interiore fatto di consapevolezza delle proprie risorse, resistenze e delle priorità, riportate su un piano d’insostenibile personale che include il proprio benessere e l’energia che ci guida verso il nostro scopo. 

Se l’energia e la perseveranza sono essenziali per realizzare un impatto, al tempo stesso l’energia può venire meno se gli eccessi danneggiano senza controllo la nostra capacità di recupero o se l’ossessione sostituisce il sano desiderio.

DOMANDE PER TE

Ti senti libero o libera di “mollare l’osso” quando serve? (senza fare arrabbiare il tuo ego)

Te la senti al tempo stesso di accogliere la complessità utilizzando le difficoltà come spazio di crescita quando serve e ha significato?

Riesci a muoverti con flessibilità e libertà fra la resilienza e il lasciare andare ?

 

Marco Guzzini 🧘‍♂️

Leggi anche questi articoli: Le 4 Porte della Relazione, Perché Filosofia Buddhista e Management , Agire con consapevolezza e responsabilità 

———————-

Accompagno  persone, professionisti, organizzazioni e imprese  in evoluzione.

Formazione, Counseling, Crescita Personale, Consulenza di Direzione , Facilitazione, Management.

 

Visita la mia Home Page per vedere chi sono e cosa faccio

Contattami per un incontro conoscitivo

👉👉 SEGUIMI SU INSTAGRAM

Scopri cosa sono le 9 Consapevolezze del Business Counseling

Restiamo in contatto! Iscriviti alla Newsletter

Evoluzione di Persone, Imprese, Organizzazioni. Con Metodo e Saggezza

Non inviamo spam! Leggi la nostra Privacy Policy

Restiamo in contatto! Iscriviti alla Newsletter

Evoluzione di Persone, Imprese, Organizzazioni. Con Metodo e Saggezza

Non inviamo spam! Leggi la nostra Privacy Policy